giovedì 13 dicembre 2007

Specchio specchio delle mie brame

I monitor della Apple hanno una certa età: sono spessi come un romanzo di Dostoevskij e hanno luminosità e contrasto che non competono con altri monitor sul mercato. Per non parlare del prezzo.
Presto, molto presto, dovrebbero essere rimpiazzati da un nuovo modello. Probabilmente saranno più sottili, più luminosi e brillanti. E saranno lucidi. Avete presente gli schermi a specchio, chiamati anche Glossy? Esatto! Proprio quelli introdotti qualche anno fa dalla Sony sui suoi portatili. Lasciatemelo dire: sono degli schermi che fanno schifo. A meno di un'illuminazione ottimale si vedono riflessi ovunque. C'è troppa luce? Sullo schermo c'è il riflesso della luce. C'è poca luce? Allora compare la faccia dell'utente illuminata dallo stesso schermo. È anche vero che l'occhio umano si adatta facilmente e, a meno di casi estremi, solitamente cancella i riflessi.
C'è una cosa che vorrei, per voi, non per me (come sono generoso!). Vorrei che i prossimi schermi della mela non fossero glossy. C'è gente che ci lavora e con quello che costano non mi sembra giusto lasciare al cervello dell'acquirente il compito di supplire ai difetti.
Se poi anche questi monitor venissero lucidati consiglio a tutti un monitor Eizo.

Post Scriptum. Voi lo sapevate che i monitor degli iMac hanno solo 18 bit di profondità di colore? Il mac non doveva essere il computer ideale per la grafica?

3 commenti:

Zak ha detto...

Bocciato! :)
Che i prossimi schermi saranno glossy e' una tua supposizione. Mi sembrerebbe strano, visto che quegli schermi sono in genere destinati ad un'utenza "pro" mentre gli schermi glossy sono per i cosiddetti consumer. Gli schermi glossy hanno l'indubbio pregio di rendere molto di piu' di uno schermo uguale ma opaco.
Sui riflessi, penso che sia un problema soprattutto sui macbook, che non sai mai in che condizioni di luce ti trovi lavorare. Cio' nonostante, sia sui macbook che sugli imac non ho mai avuto problemi con la riflessione della mia immagine (e non sono un vampiro).
I 18 bit, allo stesso modo, si trovano sui prodotti consumer e sui macbook pro (a quanto mi risulta), pero' ti devo assicurare che lo schermo del mio macbook pro (opaco ma a quanto pare 18 bit) e' forse il migliore su cui abbia mai lavorato, e lo uso tantissimo per le foto.
Riassumendo: non basare articoli velenosi su tue supposizioni, e attento alle considerazioni che fai :)
Non puoi dire "ah, pensavo che la Ferrari corresse" dopo aver letto le prestazioni della 500!

Andrew NoApple ha detto...

Caro Zak, ti rispetto soprattutto perché sai fare qualcosa che io non so fare.
Comunque: il macbookpro opaco dovrebbe avere il full color perché, sempre che non mi sbagli, monta un pannello PVA e non TN come i nuovi.
Quelle che ho scritto riguardo i nuovi monitor sono delle mie supposizioni, è vero. Ma l'oggettiva bassa qualità dei nuovi schermi (nuovi iMac, nuovi macbook, nuovi macbookpro) non è un mia supposizione. E non è neanche una pratica della sola Apple: ormai tutti, tranne rarissimi casi, usano degli schermi glossy per nascondere altri difetti.
La qualità finale magari all'occhio umano è la stessa, ma come utente mi sentire un po' preso per il culo.
Resta poi indubbio che il peggiore schermo Apple sia superiore al migliore schermo Acer.

poluz ha detto...

In quanto utente di Macbook, e quindi con schermo glossy, posso dire di non essermi mai trovato male con i riflessi, e questo vale anche per portatili di altre marche con schermo glossy (anche se meno riflettenti del Macbook, in effetti).

Per quanto riguarda la qualità generale e soprattutto la resa dei colori, ebbene la minore qualità si vede tutta a mio parere: le tendine ed i menu, ad esempio, che dovrebbero essere semi-trasparenti, compaiono quasi completamente opachi. Quando sono a casa, il portatile lo attacco ad un lcd samsung esterno e la differenza di resa è quasi da paura (benché il monitor esterno sia quasi 2 anni più vecchio del macbook).

poluz.net/blog