lunedì 23 febbraio 2009

Ti parlo e non mi senti

Ai possessori di iPod e iPhone che non l'avessero già fatto consiglio vivamente di mettere da parte le cuffiette di ordinanza e spendere una ventina di Euro per comprare degli auricolari degni di questo nome.

Per quanto siano stilose e servano a far sapere agli altri che siamo fortunati possessori di un iPod (c'è gente che ci tiene ad emergere dalla massa e a finire in un altra massa), gli auricolari di ordinanza non brillano per la loro qualità audio, soprattutto se confrontanti con altre cuffiette disponibili allo stesso prezzo. La stessa cosa dicasi per le In-Ear.

Oltre a me, la pensano così quelli di Register Hardware, che hanno messo alla prova dieci auricolari con soprressione del rumore esterno e le In-Ear di Apple sono arrivate solo all'ottavo posto. Dopo di loro due paia di auricolari disponibili ad un quarto del prezzo della coppia di Cupertino.

Ecco le parole del Register Hardware al riguardo, cortesemente tradotte per i più pigri:

[...] while the richer audio quality and sound-isolating features are certainly a big improvement on the bog-standard iPod earphones, they’re not exceptional for a set of headphones in this price range. In fact, the stand-out features are the built-in microphone and remote control that are specifically designed for use with an iPhone. So while the In-Ear Headphones will make a good companion for your iPod Touch or iPhone we wouldn’t recommend them as a set of general-purpose ‘phones for non-Apple music players or mobile ‘phones.

[...] mentre la qualità audio più ricca e le caratteristiche di isolamento del rumore sono certamente un grosso miglioramento rispetto alle dozzinali cuffiette dell'iPod, queste non sono eccezionali per un set di cuffie disponibili a questo prezzo. Infatti le caratteristiche principali sono il microfono e il telecomando che sono specificatamente progettate per l'uso con un iPhone. Quindi, anche se le cuffie In-Ear sono un buon compagno per il vostro iPod Touch o iPhone, non possiamo raccomandarle come auricolari multiuso per lettori MP3 e telefoni non Apple.

Buon ascolto a tutti

3 commenti:

Alberto ha detto...

Purtroppo sono un possessore di cuffie in-ear Apple. Me le avevano regalate per il compleanno ed all'inizio ne ero molto contento.
Purtroppo con il tempo mi sono accorto che la qualità non era il massimo... e dopo un anno una cuffietta mi si è rotta (non so quanto sia la vita media... ma credo sia più di un annetto!)

AlexM ha detto...

Può darsi che le cuffie dell'iPod non siano delle migliori, ma nessuno ti vieta di cambiarle!
Vedo comunque, con piacere, che non hai trovato nulla a cui "appenderti" se non le cuffie... non hai trovato nulla su cui insultare l'iPod, eh?

E siamo di nuovo sul quel discorso del bambino...

Andrew NoApple ha detto...

Rispondo ad AlexM.

Nessuno mi vieta di cambiarle? Non è proprio vero. L'iPod Shuffle di ultima generazione ha delle cuffie "speciali" che non solo hanno dei "fili" aggiuntivi che servono per portare i segnali dei comandi ma sono anche dotate di un apposito chip di cifratura che mi impedisce, appunto, di cambiarle. E qualcosa mi dice che anche gli altri modelli saranno vittima dello stesso destino.
Se vogliamo aggrapparci a quello che c'è da ridire sull'iPod, il blog ne è pieno. Una su tutte: la necessità di usare un programma specifico per caricare le canzoni (e il derivante accanimento di Apple contro i software alternativi).